Pareidolia | Tavola 1
16413
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16413,bridge-core-2.0.8,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-19.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

About This Project

 

PAREIDOLIA | Evoluzione di un vuoto pieno

Questo mio nuovo progetto nasce dalla frustrazione, frustrazione data dalla mancanza di idee, dalla voglia di cambiamento, dal senso di impotenza. Ma nasce anche e soprattutto dal desiderio, desiderio di rappresentare questo senso di smarrimento oltre al quale sento di avere una possibilità concreta di evoluzione, di innalzamento, anche rispetto alle scelte figurative fatte fino ad oggi.
Così mi sono chiesta come poter rappresentare questo sentire, questa difficoltà, e istintivamente ho preso un foglio di carta bianco e l’ho accartocciato. Ho fatto un gesto semplice che a tutti è capitato di fare, un gesto che nasce per rifiutare ciò che quel foglio contiene.
Il mio contenuto era il vuoto.

Ma io ho sempre sentito che nulla è veramente vuoto e così ho tentato di descrivere un contenuto attraverso la luce, quella luce che sempre cerco al di là, sotto i miei bui, in profondità, con la volontà come sempre di rialzarmi, di innalzarmi, di distaccarmi da questo pesante senso di inadeguatezza.

Prima di muovermi concretamente per ottenere il soggetto che si era infilato con semplicità nella mia testa è nato un titolo, Prospettive del vuoto, che subito dopo è diventato Prospettive di un vuoto perché volevo parlare, affrontare un sentire preciso. Poi il vuoto è diventato pieno tramite la luce, e infine, dopo aver realizzato le fotografie, le Prospettive sono diventate Evoluzione perché il materiale ottenuto ha dato vita ad un variegato mondo di possibilità che mi consentiranno di sperimentare, di mettermi alla prova e di evolvere.
E così eccomi giunta a Evoluzione di un vuoto pieno.

Osservando le fotografie ho notato alcuni aspetti che confermano la mia convinzione sul fatto che la casualità non esiste: c’è sempre qualcosa al di là se ci soffermiamo o se diamo seguito ad una sensazione istintiva, se ci ascoltiamo.
Quello che le immagini fotografiche mi hanno raccontato mi ha suggerito due strade: la prima racconta di entità, luminose e fluttuanti, metafore dell’anima, la seconda, che in realtà accoglie comodamente anche la prima, si baserà sulla Pareidolia ovvero su quel processo psichico che porta a ricondurre forme casuali a forme note.

Il progetto raccoglierà tavole grafiche nella mia consolidata tecnica mista, ma darà finalmente ampio spazio anche alla pittura ad olio.


PAREIDOLIA | Evoluzione di un vuoto pieno
Cetti Tumminia © Copyright | All rights reserved

 

 

 

 

Title

PAREIDOLIA Evoluzione di un vuoto pieno | Tavola 1

Size

cm 60 x 60 x 1

Technic

Mista: grafite, matita nera, pastelli morbidi | Carta su legno - Mixed media: graphite, black pencil, soft pastels | Paper on wood

Date
Category
Drawings