DONNA E’ VITA – Milano 10/2016

vita-dentro-vita

Opera in esposizione “Vita dentro Vita ” 2016 – 70×100 Grafite su Carta

 

La mostra d’arte dal titolo Donna è vita, che si svolgerà negli spazi della Biblioteca Umanistica di Santa Maria Incoronata a Milano, dal 22 al 24 ottobre, si propone di richiamare alla memoria alcuni aspetti del molteplice e variegato universo femminile

La mostra vuole evidenziare soprattutto l’altruismo e l’umanità che caratterizzano il mondo femminile, e che si manifestano anche come energia e coraggio capaci di dare e ricevere amore fino ad affrontare, con il proprio corpo, anche la nascita di una nuova vita.

Le paure e le incertezze che albergano nel profondo dell’animo femminile fatto di estrema sensibilità, timidezza e romanticismo sono componenti che tracciano una personalità dalle caratteristiche fragili e indifese, eppure, è proprio in questa apparenza di debolezza che può albergare la forza che dà e che riceve amore, e che dà la vita.

Cosa significa essere donna in questo inizio di nuovo millennio?

La domanda potrebbe dare origine a molte risposte legate sia all’identità fisica dell’essere umano e antropomorfico che contraddistingue l’immagine della donna, sia al concetto dell’essere donna nell’odierno mondo occidentale in cui noi europei viviamo.

Oggi non è facile capire oltre a quali orizzonti possiamo guardare per cogliere il prossimo futuro che accompagnerà il destino della donna, ma possiamo usare due termini che ci aiuteranno a capire e tracciare un possibile identikit: Spiritualità e Amore.

Sembrano parole troppo impegnative o addirittura abusate e logore, eppure se vogliamo vedere un prossimo futuro per tutte le donne bisogna ripartire da questo.

Spiritualità: ovvero, la ricerca di una visione della vita antitetica alla superficialità e all’effimero.

Spiritualità non è solo misticismo ma anche arte, che vuol dire musica, danza, pittura e scultura ecc. quindi, per raggiungere questo obiettivo bisogna permettere alle giovani donne di coltivare ed esplorare il mondo creativo senza avere il timore di esercitare i propri interessi culturali come una forma di “eccentricità” slegata dalla quotidianità e realtà.

Amore: è questo l’altro grande concetto trascendentale di cui l’immagine della donna è sempre stata imbevuta, e che oggi è offuscato da significati che ne tolgono importanza, come se fosse possibile creare delle categorie dell’amore diverse dal suo significato naturale di sentimento che coinvolge tutti i nostri sensi, in un unisono armonico con la propria fisicità e quella altrui, comprendendo in esso anche l’amore per tutto il nostro habitat.

L’amore è un sentimento che le donne – tutte le donne – imparano a riconoscere e ad adattare a molte, e a volte troppe, fasi della propria vita.

L’amore ha sempre avuto bisogno per nascere e svilupparsi della sensibilità, delicatezza e capacità di sognare che caratterizzano l’umana natura femminile e, per far crescere il sentimento dell’amore, la donna ha utilizzato anche grinta ed energia, impegno, talento e, perché no, anche allegria.

You Tube: https://www.youtube.com/watch?v=nK_sCp9L6uc

corso-garibaldi-sera

Corso Garibaldi, Milano

14523059_1863484997222053_7950187266634832555_n

Location Evento – Biblioteca Umanistica